News
APOLLO ARTE E CULTURA
<< Torna all'archivio delle news

03 Marzo 2018
La notte delle donne, quattro attrici premiano gli attori

LOS ANGELES - In attesa della consegna dei premi sono i presentatori che fanno notizia agli Oscar. Saranno Jennifer Lawrence e Jodie Foster a rimpiazzare Casey Affleck e a presentare il premio per la migliore attrice protagonista la notte di domenica 4 marzo sul palco del Dolby Theatre (in Italia in diretta su Sky Cinema Oscar e Tv(), mentre l'Oscar per miglior film verrà assegnato dalla stessa coppia che lo scorso anno commise la gaffe più memorabile nella storia della cerimonia, quei Bonnie e Clyde, Warren Beatty e Faye Dunaway che, ingannati dalla busta sbagliata, assegnarono il premio a La La Land invece che a Moonlight.

Interrompendo una tradizione che durava da sempre, in base alla quale il migliore attore dell'anno precedente premiava la migliore attrice dell'anno successivo e la migliore attrice il migliore attore, l'Academy ha deciso di tagliare la testa al toro e per evitare polemiche, dopo il ritiro spontaneo o semi spontaneo di Casey Affleck, vincitore lo scorso anno con Manchester by the sea, a causa del suo coinvolgimento in alcune vicende di molestie sessuali, ha semplicemente cambiato la tradizione e gli attori protagonisti non saranno premiati dai vincitori dell'anno precedente. Domenica dunque Jennifer Lawrence e Jodie Foster consegneranno il premio alla migliore attrice, mentre Jane Fonda e Helen Mirren al migliore attore. I due favoriti nella corsa sono Frances McDormand per Tre manifesti a Ebbing, Missouri e Gary Oldman per L'ora più buia.

Casey Afflek, fratello talentuoso del più famoso Ben, era stato denunciato nel 2010 per molestie sessuali dalla produttrice e dalla fotografa del suo film "I'm not here', che a oggi appare un titolo profetico. Le due denunce sono state poi risolte senza arrivare in tribunale e a mezzo di un lauto risarcimento da parte dell'attore alle due parti lese. E' stato lo stesso Affleck a decidere di escludersi dalla premiazione e, anche se l'Academy non conferma, appare evidente che la scelta di avere solo donne sul palco per la premiazione degli attori protagonisti non sia casuale e che si inserisca in quelli che probabilmente verranno ricordati come gli Oscar delle donne. E non solo, sarà anche la prima volta che a presentare un premio ci sarà una donna transgender, Daniela Vega, protagonista del film cileno candidato nella categoria migliore film staniero A fantastic Woman.

Il premio per il miglior film, invece, dopo l'errore dello scorso anno quando venne attribuito prima a La La Land e poi correttamente a Moonlight, saranno ancora Warren Beatty e Faye Dunaway a consegnarlo, avendo così una seconda possibilità. I due attori non esitano a scherzarci sopra durante le prove dello show. "Farlo, presentare, la seconda volta è molto meglio che la prima" ha detto la Dunaway, mentre Beatty con tono solenne ha subito annunciato la vittoria di "Via col vento".


11 Dicembre ore 01:00
L'uomo che rubò Banksy

Dopo il successo del Tribeca Film Festival, arriva nelle sale italiane il film evento narrato da Iggy Pop su uno dei più grandi esponenti della Street ArtÈ l’artista capace di scombinare opera dopo opera tutte le regole dell’arte contemporanea.

È il 2007. Banksy e la sua squadra si introducono nei territori occupati e firmano a modo loro case e muri di cinta. I palestinesi però non gradiscono. Il murale del soldato israeliano che chiede i documenti all’asino li manda su tutte le furie: passi l’essersi introdotto nei territori e l’aver agito senza nemmeno presentarsi alla comunità, ma essere dipinti come asini davanti al resto del mondo è davvero troppo. A vendicare l’affronto con un occhio al bilancio ci pensano un imprenditore locale, Maikel Canawati, e soprattutto Walid, palestrato taxista del posto. Con un flessibile ad acqua e l’aiuto della comunità, Walid decide di tagliare il muro della discordia. Obiettivo dichiarato: rivenderlo al maggior offerente.

È da qui che prende il via L’UOMO CHE RUBO’ BANKSY di Marco Proserpio narrato da Iggy Pop che arriverà al cinema solo l’11 e 12 dicembre nell’ambito del progetto della Grande Arte al Cinema.

12 Dicembre ore 01:00
L'uomo che rubò Banksy

Dopo il successo del Tribeca Film Festival, arriva nelle sale italiane il film evento narrato da Iggy Pop su uno dei più grandi esponenti della Street ArtÈ l’artista capace di scombinare opera dopo opera tutte le regole dell’arte contemporanea.

È il 2007. Banksy e la sua squadra si introducono nei territori occupati e firmano a modo loro case e muri di cinta. I palestinesi però non gradiscono. Il murale del soldato israeliano che chiede i documenti all’asino li manda su tutte le furie: passi l’essersi introdotto nei territori e l’aver agito senza nemmeno presentarsi alla comunità, ma essere dipinti come asini davanti al resto del mondo è davvero troppo. A vendicare l’affronto con un occhio al bilancio ci pensano un imprenditore locale, Maikel Canawati, e soprattutto Walid, palestrato taxista del posto. Con un flessibile ad acqua e l’aiuto della comunità, Walid decide di tagliare il muro della discordia. Obiettivo dichiarato: rivenderlo al maggior offerente.

È da qui che prende il via L’UOMO CHE RUBO’ BANKSY di Marco Proserpio narrato da Iggy Pop che arriverà al cinema solo l’11 e 12 dicembre nell’ambito del progetto della Grande Arte al Cinema.

22 Gennaio ore 19:45
Tajkovskij: La dama di picche

Nuova produzione dell’acclamato regista norvegese Stefan Herheim. L’opera di ?ajkovskij, un’esplorazione sull’ossessione romantica, sarà diretta da Antonio Pappano con il grande cast guidato dal tenore lettone Aleksandrs Antonenko, il baritono bulgaro Vladimir Stoyanov e il soprano olandese Eva-Maria Westbroek.
 
Gli orari indicati sono solo indicativi, fate sempre riferimento alla programmazione ufficiale

 

30 Gennaio ore 19:45
Verdi: La Traviata

Il ritorno della straordinaria produzione di Richard Eyre de La Traviata di Verdi sul grande schermo. Questa amatissima opera racconta una toccante storia di amore e sacrificio su alcune delle melodie più gloriose di Verdi.

 Gli orari indicati sono solo indicativi, fate sempre riferimento alla programmazione ufficiale

19 Febbraio ore 20:15
Acosta/Petipa: Don Chisciotte

Una visione colorata della Spagna romantica grazie al Don Chisciotte di Carlos Acosta, omaggio alla coreografia originale di Marius Petipa.

 Gli orari indicati sono solo indicativi, fate sempre riferimento alla programmazione ufficiale

02 Aprile ore 19:15
Verdi: La forza del destino

Opera epica rappresentata alla Royal Opera dopo oltre un decennio, in una spettacolare produzione di Christof Loy della Dutch National Opera. Il cast superbo comprenderà Anna Netrebko e Jonas Kaufmann nel ruolo degli amanti sfortunati Leonora e Don Alvaro.

Gli orari indicati sono solo indicativi, fate sempre riferimento alla programmazione ufficiale

13 Novembre 2018
Creatore di personaggi indimenticabili come SpiderMan e X-Men [leggi]
24 Ottobre 2018
"Il miglior film di fantascienza mai realizzato" [leggi]
09 Ottobre 2018

*Servizio erogato il collaborazione con WebTic, attivo dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 21.00, la domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00.
Costi del servizio Call Center: il costo della chiamata da rete fissa è di € 0,96 al minuto con addebito alla risposta di € 0,12. Prezzi IVA inclusa. Per l'accesso da rete fissa potrebbe essere necessario richiedere l'abilitazione chiamando il numero clienti del proprio gestore telefonico. Per cellulari verificare il proprio piano tariffario (costo max € 1,41 al minuto, IVA inclusa). Non anteporre alcun prefisso al numero del Call Center indicato.