SALA VIRTUALE

CENTO, Fe

COMACCHIO, Fe

<< Torna all'archivio delle news


12 Maggio 2024

CORTI OSCAR 2024

WeShort, la piattaforma dedicata al cinema breve nata nel 2020 per iniziativa del giovane imprenditore Alessandro Loprieno, torna in sala e porta per la prima volta nei cinema di tutta Italia la cinquina Oscar dei cortometraggi d'animazione e finzione, fra i quali il vincitore dell'Oscar animazione WAR IS OVER! INSPIRED BY THE MUSIC OFJOHN & YOKO e THE WONDERFUL STORY OF HENRY SUGAR con Benedict Cumberbatch e Ben Kingsley diretto dal grande Wes Anderson al suo primo Oscar proprio con un corto. Un evento che segna un grande passo avanti per il cinema breve che in termini di cast, direzione, scenografie e costumi, non ha nulla da invidiare ai lungometraggi.

“Ho sempre pensato che il corto si può posizionare come formato alla pari di film e serie tv e questo mi piace chiamarlo grande cinema breve”

Alessandro Loprieno

 

 

CORTOMETRAGGI:

_La meravigliosa storia di Henry Sugar (The Wonderful Story of Henry Sugar), regia di Wes Anderson

_The After, regia di Misan Harriman

_Invincible, regia di Vincent René-Lortie e Samuel Caron

_Knight of Fortune, regia di Lasse Lyskjær Noer

_Red, White and Blue, regia di Nazrin Choudhury e Sara McFarlane

 

CORTOMETRAGGI D’ANIMAZIONE:

_War Is Over! Inspired by the Music of John & Yoko, regia di Dave Mullins

_Letter to a Pig, regia di Tal Kantor

_Ninety-Five Senses, regia di Jared Hess e Jerusha Hess

_Our Uniform, regia di Yegane Moghaddam

_Pachyderme, regia di Stéphanie Clément

 

1. La meravigliosa storia di Henry Sugar

 

Diretta da Wes AndersonLa meravigliosa storia di Henry Sugar è la pellicola aggiudicatasi il premio come Miglior Cortometraggio all’ultima edizione dei Premi Oscar. Presentato alla 80ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, l’ambizioso progetto nasce dall’acquisizione, da parte della piattaforma, della Roald Dahl Story Company, e si rifà quindi ad alcuni dei racconti dell’autore britannico, ai quali Anderson ha voluto dare una forma, tracciata dal suo inconfondibile stile e dall’apporto di maestri della recitazione come Ben Kingsley e Benedict Cumberbatch.

 

 2. War Is Over! Inspired by the Music of John & Yoko

 

War Is Over è invece il corto della durata di 11 minuti, diretto da Dave Mullis, riuscito ad accaparrarsi la statuetta come Miglior Cortometraggio d’Animazione, ispirandosi all’inno pacifista di John Lennon e Yoko OnoHappy Xmas (War Is Over). L’opera, prodotta dallo studio d’animazione ElectroLeague, in collaborazione con Lenono MusicSean Ono Lennon e Yoko Ono, colpisce profondamente con la sola forza delle immagini e della musica, senza necessitare di alcun dialogo, e vede la guerra trasformarsi in un’incessante partita a scacchi tra due pari – rivali sconosciuti – corrisposti grazie all’unico essere in grado di varcare i confini.

 

3. The After

 

The After, del fotografo e regista di origini nigeriane, Misan Harriman, al suo debutto alla regia, è il corto che vede protagonista David Oyelowo e che, passando dal colpo di scena che anima il film di una tragicità palpabile, affronta il tema della morte, del suo superamento e del confronto con i propri fantasmi.

 

4. Invincible

 

Si ispira invece a fatti reali il cortometraggio in 30 minuti, diretto da Vincent René-Lortie e Samuel CaronInvincible. L’opera vede il racconto delle ultime 48 ore di vita di Marc-Antoine Bernier, protagonista interpretato dal giovane Léokim Beaumier-Lépine, e della sua disperata ricerca di libertà, tanto asfissiante da portarlo a compiere un gesto alquanto estremo.

 

5. Knight of Fortune

 

Di morte si parla anche in Knight of Fortune, opera del danese Lasse Lyskjær Noer, che vede protagonisti Jens Jørn Spottag e Leif Andrée. Il corto, anche in questo caso, racconta il lutto principalmente nell’aspetto del suo superamento, dell’accettazione del dolore, dell’immobilità di quel corpo dalla colorazione alterata, tramite l’incontro di due personaggi legati unicamente dalla perdita.

 

6. Red, White and Blue

 

L’ultimo dei corti live action proposti è Red, White and Blue, altra pellicola del forte impatto emotivo, diretta da Nazrin Choudhury e Sara McFarlane. Il film vede una madre single, in evidente ristrettezze economiche, costretta a recarsi fuori dal paese per un aborto, ma la parte conclusiva del racconto nasconde un terribile segreto, in grado di stravolgere ogni tipo di premessa.

 

7. Letter to a Pig

 

In Letter to a Pig, di Tal Kantor, animatrice nata a Gerusalemme, bozze in bianco e nero assumono colore nella testa della giovane studentessa protagonista, che attraverso i traumatici ricordi di un sopravvissuto reduce dall’Olocausto, scava all’interno di sé alla ricerca di un senso, di una distinzione tra bene e male, metaforizzata nella violenza animale e nella contrasta raffigurazione del nemico e della sofferenza.

 

8. Ninety-Five Senses

 

Una vera e propria ode ai sensi dell’uomo, passati al setaccio da un condannato a morte ormai prossimo all’esecuzione; Ninety-Five Senses è il cortometraggio diretto a quattro mani dai coniugi Jared e Jerusha Hess, che ridefinisce i 5 sensi anche a seconda dell’ordine in cui essi si consumano e ne considera possibili altri 95.

 

9. Our Uniform

 

Animato in stop-motion, Our Uniform è il cortometraggio diretto e prodotto dall’iraniana Yegane Moghaddam, la quale parla apertamente della sua relazione con l’hijab e tutte le vesti indossate dalle donne appartenenti alla sua realtà, tessendo direttamente sui tessuti l’intero racconto e cercando di dimostrare la multiformità di una cultura in cui chiunque può far valere la propria unicità.

 

10. Pachyderme

 

Concludiamo con l’ultimo dei corti d’animazione, Pachyderme, opera francese diretta da Stéphanie Clément che, per mezzo di illustrazioni fiabesche, articolate su inquietanti atmosfere, da voce al dolore di una giovane donna che rielabora il trauma degli abusi infantili ricevuti. L’opera, prodotta da TZNPV Productions e Folimage, ha ricevuto molti riconoscimenti, tra cui quelli del Manchester Animation Festival e del Foyle Film Festival.

 

Prenotazioni telefoniche Cinepark Cento
Prenotazioni telefoniche Apollo Cinepark Ferrara
Martedì rosa Apollo Cinepark cinema Multisala Ferrara
Promozione mercoledì Apollo Cinepark cinema Multisala Ferrara
13 Giugno 2024
Partecipano alla promozione e sono quindi a 3.50€: L'arte della gioia (1 e 2), Animal kingdom, Dall'alto di una fredda torre, Rosalie, Me contro te [leggi]
04 Giugno 2024
Dal 9 al 13 giugno TUTTI i film a 3.50€ !! [leggi]
21 Maggio 2024
L'ottava giornata della 77ª edizione della kermesse cinematografica presenta tre film in Concorso: Anora di Sean Baker, l'omaggio a Marcello Mastroianni Marcello mio di Christophe Honoré e l'attesissimo Parthenope di Paolo Sorrentino, viaggio epico femminile e lettera d'amore a Napoli. Per Cannes Premiere c'è invece Maria di Jessica Palud che racconta la giovinezza di Maria Schneider, attrice di Ultimo tango a Parigi [leggi]



*Servizio erogato il collaborazione con WebTic, attivo dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 21.00, la domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00.
Costi del servizio Call Center: il costo della chiamata da rete fissa è di € 0,96 al minuto con addebito alla risposta di € 0,12. Prezzi IVA inclusa. Per l'accesso da rete fissa potrebbe essere necessario richiedere l'abilitazione chiamando il numero clienti del proprio gestore telefonico. Per cellulari verificare il proprio piano tariffario (costo max € 1,41 al minuto, IVA inclusa). Non anteporre alcun prefisso al numero del Call Center indicato.